Play to overcome barriers!

da | Lug 17, 2021 | Blog, Play | 0 commenti

Il vostro è un mondo di culle che diventano tombe e di tombe che diventano culle; di giorni che divorano notti e di notti che rigurgitano giorni; di pace che dichiara guerra e di guerra che sollecita la pace; di sorrisi galleggianti sulle lacrime e di lacrime rischiarate da sorrisi. Il vostro è un mondo in continuo travaglio, con la Morte come levatrice. Il vostro è un mondo di setacci e di vagli, in cui non ci sono due setacci e due vagli che siano uguali. Voi soffrite costantemente setacciando l’insetacciabile e vagliando l’invagliabile. Il vostro è un mondo diviso contro se stesso, poiché è l’Io in voi ad esser diviso. Il vostro è un mondo di barriere e recinzioni, poiché è l’Io in voi ad avere barriere e recinzioni. Alcune cose, esso preferisce porle fuori dal recinto, perché estranee a se stesso; altre, le pone dentro al recinto, perché ad esso affini. Ma quelle che stanno fuori dal recinto, irrompono continuamente dentro; e quelle che stanno dentro, non fanno altro che uscire. Poiché esse, essendo prole di una stessa madre – che è il vostro stesso Io – non vogliono esser separate. E voi, invece di gioire per la loro felice unione, vi cingete di nuovo nel vano tentativo di separar l’inseparabile. Invece di fasciare la spaccatura che c’è nell’Io, tagliuzzate la vostra vita sperando di ricavarne un cuneo da inserire fra quello che credete essere il vostro Io, e ciò che immaginate diverso da esso. Pertanto, le parole dell’uomo sono immerse nel veleno. Perciò, i suoi giorni sono così ebbri di dolore. Per questo, le sue notti sono così tormentate dalla sofferenza.“ — Mikha’il Nu’ayma

Condividi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editoriale

Ma si può esportare la democrazia?

Ma si può esportare la democrazia?

Si può esportare la democrazia? È questa la domanda che ci siamo posti assistendo impotenti a ciò che sta accadendo in Afghanistan, terra stuprata mortalmente dall’arroganza e dall’avidità occidentale. Gli americani, da sempre, hanno risposto di sì a questo quesito....

La prima sfida da vincere per salvare la Terra

La prima sfida da vincere per salvare la Terra

Scriviamo queste poche parole mentre abbiamo ancora negli occhi le drammatiche foto dell’incendio gravissimo che ha devastato migliaia di ettari in Sardegna. Colpa dell’uomo, di noi esseri umani che soprattutto negli ultimi decenni abbiamo seriamente compromesso la...