Ma si può esportare la democrazia?

da | Ago 24, 2021 | Editoriale | 0 commenti

Si può esportare la democrazia? È questa la domanda che ci siamo posti assistendo impotenti a ciò che sta accadendo in Afghanistan, terra stuprata mortalmente dall’arroganza e dall’avidità occidentale. Gli americani, da sempre, hanno risposto di sì a questo quesito. Dopo il passaporto per le armi, il cibo spazzatura, Hollywood, il popolo a stelle e strisce ritiene che il traffico di democrazia sia possibile, anzi necessario per risollevare le sorti di un Paese. Altri, invece, credono che la democrazia è un processo troppo lento e doloroso e che non può essere semplicemente imposto attraverso l’utilizzo delle armi. E che l’errore più grave commesso – ad esempio proprio in Afghanistan – è quello di aver ignorato la storia di un popolo fortemente condizionato dalla religione e da codici comportamentali radicati come l’aria.

Dopo la pausa estiva, la nostra banda di #scarpesciuote proporrà quindi una serie di riflessioni sulla democrazia e sulla reale possibilità o meno di esportarla. E lo farà tenendo sempre davanti agli occhi le crudeli immagini di mani speranzose aggrappate alle ruote degli aerei occidentali, di madri che hanno affidato i propri figli ai soldati nella speranza che possano avere un futuro migliore del proprio.

Antonio Lepore

Andrea Famiglietti

 

Condividi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editoriale

E se parlassimo di sicurezza?

E se parlassimo di sicurezza?

Ci risiamo, abbiamo impiegato questo primo mese del 2022 per comprendere punti di forza e punti di debolezza di questa nostra giovane esperienza. Il risultato ci ha portato ad operare alcune scelte: la più importante è, senza ombra di dubbio, quella di dosare la...