Once & future (never)

da | Ott 26, 2021 | Fuori righe | 0 commenti

A volte mi capita di guardare indietro, agli anni andati e poco dopo rivolgo lo sguardo al futuro sento salire nel mio animo un senso di incertezza e inquietudine.
Quel senso di incertezza dovuto a domande di cui, sono consapevole, non riceverò mai risposte

I predatori dell’arca perduta

La prima volta che vidi il film di Spielberg “Indiana Jones e i predatori dell’arca perduta” pensai cosa da grande avrei voluto fare. Avevo la risposta alla tipica domanda che da bambini ci fanno “cosa vuoi fare da grande?” ed ero felice di poter dire l’archeologo, perché guardando il Dott. Jones alle prese con scoperte storiche e avventure fantastiche non pensavo ad altro che quello era ciò che avrei voluto fare una volta adulto. Eppure ero un bambino che aveva messo il suo primo sogno nel cassetto, senza sapere cosa significasse essere grandi e tutte le responsabilità e preoccupazioni che arrivavano. Ma sognavo di scoperte sensazionali, di viaggi in terre lontane e di pericoli che avrei affrontato senza paura ma tutto questo nasceva e moriva nella mente di un bambino.
Da qualche parte ho lasciato quel cassetto, con un sogno che sta lì ad aspettarmi ma che non vivrò mai più. E forse è meglio così.

Innuendo

Cantava il buon Freddie Mercury che possiamo essere qualunque cosa vogliamo. Ed è vero, siamo potenzialmente capaci di essere qualunque cosa o diventare chiunque noi vogliamo, ma solo crescendo in un ambiente che ci permette di credere in un futuro e poter realizzare quei piccoli sogni che abbiamo messo nel cassetto. Eppure viviamo in una società pronta a cannibalizzare le nostre aspettative, crearci disagi che ci porteremo sulle nostre spalle come dei cloni di Atlante e alla fine ci costringerà ad essere un individuo diverso da ciò che immaginavamo.

You can be anything you want to be
Just turn yourself into anything you think that you could ever be
Be free with your tempo be free be free
Surrender your ego be free be free to yourself

Nonostante questo mio pessimismo mi vien da dire che è importante circondarsi di persone che vi spronano, che cercano in ogni modo di tirare fuori le vostre qualità. In pratica dovremmo avere tutti una persona che ci invita a dare il massimo ogni giorno
Ma sono soddisfatto di come sono oggi? No, non proprio al 100%
Forse l’unica domanda a cui so dare una risposta decisa, da bravo ignavo quale sono.

Condividi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editoriale

E se parlassimo di sicurezza?

E se parlassimo di sicurezza?

Ci risiamo, abbiamo impiegato questo primo mese del 2022 per comprendere punti di forza e punti di debolezza di questa nostra giovane esperienza. Il risultato ci ha portato ad operare alcune scelte: la più importante è, senza ombra di dubbio, quella di dosare la...