La cartolina

La cartolina

Non salire
La scala é rotta,
non sei al sicuro.
So che vorresti giocare
Sei venuta qui per lo scivolo
Ma non é sicuro
Ti sei vestita da eroina avventurosa
Sei vestita di rosso
Hai anche il mantello
Vorrei dirti che da domani in poi troverai sempre uno scivolo per giocarci
Ovunque
Ma oggi guardo oltre il mio Paese e vedo altri scivoli rotti
Altri bambini il cui gioco é stato interrotto
Dalle bombe
Dagli odi
Ti guardo
Mi chiedo che futuro ti stiamo dando
Di fronte c’é la scala rotta e tu che vorresti salire
É solo una delle tante,
penso
Una delle tante scale che noi adulti non aggiusteremo mai
Ti chiedo scusa in silenzio
Mettiti in salvo
Da noi

“Sicurezza”
Irpinia 2022

Parlare di sicurezza in provincia

Parlare di sicurezza in provincia

Ho fissato per giorni la pagina bianca del mio computer, per settimane non sono riuscito a scrivere niente che avesse senso. Eppure sono sicuro che se dovessi parlare di sicurezza non la smetterei più, ma nonostante ciò non sono riuscito a scrivere nulla. Antonio, qualche giorno fa mi ha detto che il blocco dello scrittore (anche se non mi reputo tale) è un qualcosa che tende a verificarsi quando non ci si sente propriamente bene, quando i livelli di stress accumulati non ci consentono di essere lucidi al punto giusto per poter fare ordine ai mille pensieri che si rincorrono su e giù per la nostra testa.

Ha ragione Antonio!

Così ho deciso di affidarmi alla Treccani, un po’ come il Matto cantato da De André nel suo splendido riadattamento all’opera poetica di Edgar Lee Masters e ho cominciato a leggere e rileggere la definizione di sicurezza:

sicurezza: La condizione che rende e fa sentire di essere esente da pericoli, o che dà la possibilità di prevenire, eliminare o rendere meno gravi danni, rischi, difficoltà, evenienze spiacevoli, e simili.

La condizione che ci fa sentire lontani dai pericoli o la possibilità di prevenire, eliminare o rendere meno gravi i danni, le difficoltà o le evenienze spiacevoli. L’ho letta talmente tante volte questa frase che alla fine le parole hanno cominciato ad assumere un significato diverso ogni volta e, non solo, hanno cominciato a risuonare così lontane.

Mi sono, dunque, chiesto: Ma chi sono io per parlare di sicurezza? Io sono lontano da condizioni di pericolo.

Ma poi ho focalizzato l’attenzione sulla seconda parte “rendere meno gravi i danni, rischi, difficoltà, evenienze spiacevoli, e simili”.

Le difficoltà sono tutte intorno e non bisogna arrivare in qualche zona diroccata per rendercene conto. Ogni giorno lo sento nelle voci e lo vedo nei pugni chiusi degli amici e dei coetanei con cui parliamo delle tante impossibilità: di non riuscire a trovare un lavoro dignitoso, di doversi accontentare di contratti e collaborazioni che tutt’al più ci possono portare 600 euro mensili che ci costringono ad essere eternamente giovani, di doversi reinventare quotidianamente, di doversi piegare ad una realtà sociale e culturale che ci vuole consumatori di esercizi commerciali e niente più.

Così mentre camminiamo in una strada secondaria della città, i miei occhi si perdono tra i raggi della ruota della vecchia bicicletta di un’amica e ripenso alle recenti difficoltà che ha dovuto affrontare per poter organizzare la sua prima mostra. Eccoci al punto, non più Esercito Industriale di Riserva, ma Esercito Socio – Culturale di Riserva, quelli di cui si scrivono grandi e belli articoli sui giornali quando da emigrati diventano famosi e affermati, ma che vengono criticati e sbeffeggiati se qui provano a dimostrare che la propria competenza in ambito culturale e sociale è anch’essa un lavoro e che pertanto merita e richiede rispetto. E dunque mentre ancora vago con lo sguardo perso tra i raggi della sua bici ripenso ai proclami dell’imbecille di turno che mi dice che forse per il paese è meglio una telecamera in più, che forse per una scritta su un muro è meglio la pubblica gogna e la legge del taglione, che questo significa sicurezza.

Per me sicurezza significa altro, significa dare a tutti la possibilità di vivere e poter costruire il proprio mondo nel pieno rispetto della propria e dell’altrui esistenza.

Mentre fisso per un’ultima volta questa pagina leggermente piena, ripenso a quel famoso diritto alla felicità che per molto abbiamo provato ad inseguire e a quanto sia ancora lontano dai nostri radar vista la nostra incapacità di parlare e pensare alla sicurezza degli individui in altre modalità.

Autostima e sicurezza di sé

Autostima e sicurezza di sé

Il precedente articolo sul tema ha voluto ripercorrere la formazione del senso di sicurezza che ciascuno di noi prova nel rapportarsi con le presone a sé circostanti. Il legame di attaccamento provato da bambini nei confronti dei nostri genitori, quindi, è alla base della sicurezza.

Quando si diviene abbastanza maturi da sentirsi in grado di affrontare il mondo da soli, senza la necessità di sentirsi confortati e protetti da qualcuno che sa meglio di noi come va il mondo, anche il legame di attaccamento si trasforma. Esso, con l’avanzare degli anni e l’accumularsi di esperienze di vita proprie, diventa qualcosa di strettamente personale e si radica nella nostra mente. Se da bambini, infatti, la qualità dell’attaccamento era condizionata da una relazione intrattenuta con delle persone, gli schemi di interazione appresi e ripetuti all’infinito durante l’infanzia “entrano” nella mente e dirigono il nostro modo di fare adulto con il prossimo; in particolare, modulano la sensazione di sicurezza provata in situazioni di scambio sociale. Lo stile di attaccamento evolve nel modello operativo interno che funge da architettura di base dei nostri comportamenti sociali. Quest’ultimo, a sua volta, determinerà anche la relazione che avremo con i nostri figli e di conseguenza il loro attaccamento nei nostri confronti. Insomma, l’attaccamento si trasmette di padre in figlio quasi come il dna.

Questo è quanto rispetto alla sicurezza nelle relazioni, ma verso noi stessi? Cosa ci da la sensazione di star facendo bene? Ovviamente l’autostima!

L’autostima si riferisce all’insieme dei giudizi che ciascuno ha di sé stesso. Questi possono riguardare l’aspetto estetico, la bravura nel compiere azioni fisiche o mentali, la percezione di essere capaci nelle relazioni e nei compiti a cui facciamo fronte. Una persona sicura di sé, riesce a mobilitare le proprie energie in modo più efficace e quindi a dare quanto di meglio può in un determinato evento. Ciò è molto evidente nello sport professionistico, dove la preparazione atletica raggiunge livelli di perfezione scientifica: quando la differenza di preparazione fisica è nulla, come in un match di serie A o in una finale dei 100 metri, gran parte della prestazione legata a quel singolo evento è garantita dalla capacità di applicare le proprie doti in tutta la loro portata. questa capacità è strettamente legata al livello di sicurezza (o autostima) delle proprie capacità.

Per parlare di autostima o di sicurezza di sé è necessario sottolineare che l’autostima non è una cosa che si ha o non si ha, non è un oggetto da tenere con sé. La sicurezza di sé, invece, ha mille sfaccettature; una persona, ad esempio, può essere sicura delle sue capacità lavorative e quindi produrre in abbondanza e cono soddisfazioni ma, quando deve dare un appuntamento galante, non riesce a dire una frase di senso compiuto. A queste differenze talvolta paradossali, contribuisce anche il modello operativo interno con cui abbiamo iniziato l’articolo, in questo momento è sufficiente ricordarlo. L’importante, adesso, è concepire l’autostima e la sicurezza di sé come concetti che abbracciano più contesti di vita, che per ogni contesto può esserci differenza e che in questo modo si crea un continuum, i cui estremi sono la totale sfiducia nei propri mezzi e la sensazione di essere invincibili e indistruttibili.

Partendo dalla fine, quando una persona giudica sé stesso in grado di compiere un’azione senza avere gli strumenti per compierla ci troviamo davanti ad una eccessiva sicurezza di sé la quale, detta in altre parole, può definirsi grandiosità. Per fare un esempio banale, il vincitore della gara dei 100 metri di Atripalda con un tempo di 12 secondi, se credesse di poter battere Jacobs e Bolt al punto da invitarli a partecipare ad una sfida convinto di vincerla, potrebbe avere un’autostima un pelino troppo rigonfiata. Dall’altro capo del continuum, se Marcel Jacobs decidesse di non partecipare alla sfida perché convinto di non poter battere gli altri partecipanti sulla base delle sole credenze sue, senza riferirsi ai tempi stagionali o al duro lavoro svolto in allenamento, l’autostima della medaglia d’oro olimpica dei 100 metri sarebbe troppo bassa. Come si può notare, estremizzare la propria autostima nell’uno o nell’altro senso distorce la realtà: il campione cittadino dei 100 metri si percepisce all’altezza di una sfida impossibile da vincere, la medaglia d’oro olimpica non riuscirebbe a percepire di poter correre i 100 metri entro 12 secondi.

L’autostima e la sicurezza nelle proprie capacità è una sensazione fondamentale per riuscire ad esprimersi nel modo più efficace e corrispondente a sé stessi nella vita di tutti i giorni. Proprio per questo è necessario saper bilanciare e gestire il giudizio di sé stesso e confrontarlo costantemente con ciò che effettivamente sappiamo fare, dire o tollerare. Eccedere lungo uno o l’altro aspetto del continuum provoca distorsioni alla realtà da noi vissuta che compromette il nostro funzionamento in generale, portandoci a produrre di meno di quanto potremmo. In altre parole, è importante mantenere un giudizio sempre positivo di sé nella misura in cui questo giudizio tenga conto delle reali abilità e potenzialità individuali.

La sicurezza di rapportarsi con il mondo circostante

La sicurezza di rapportarsi con il mondo circostante

La sicurezza in psicologia è un concetto fondamentale. In realtà, la parola sicurezza ha un significato molto ampio quando si parla della prima infanzia; con l’avanzare dell’età, invece, la sicurezza diventa un qualcosa di sempre più specifico fino ad arrivare a rappresentare quella sensazione di stare in un ambiente senza pericoli, o che i pericoli presenti sono facilmente affrontabili. Insomma fino ad assumere il significato condiviso da tutti noi.

SICUREZZA E MONDO CIRCOSTANTE

La sicurezza di relazionarsi con il mondo circostante è la chiave di lettura attraverso la quale viene analizzato il modo di crescere dei bambini di una delle più accreditate teorie psicologiche dello sviluppo individuale: la teoria dell’attaccamento. Il “padre” di questa teoria è John Bowlby, egli ha ritenuto opportuno approfondire le motivazioni dei neonati alla base della loro ricerca di vicinanza rispetto agli adulti che si prendono cura di lui, soprattutto la madre. Ciò in quanto lo studioso aveva notato che esse vanno oltre la semplice ricerca di cibo. Il legame che unisce madre e figlio neonato, infatti, parte dalla ricerca di cibo e si articola verso una ricerca di protezione, serenità e calore affettivo. Un famoso esperimento che fa capo a questa teoria vedeva un cucciolo di scimmia posto davanti alla scelta di ricevere cibo da un manichino metallico o da un altro manichino ricoperto da una pelliccia simile alla sua: gli sperimentatori osservarono che il cucciolo preferiva nutrirsi dalla “madre artificiale” che gli restituisse calore oltre che cibo, validando l’ipotesi per cui alla base del legame madre – figlio, denominato per l’appunto attaccamento, ci sia la ricerca di una sensazione complessa, frutto dell’unione di più fattori che si potrebbe riassumere nella sicurezza.

Il legame di attaccamento tra madre e figlio, dunque, è la base da cui ogni individuo inizia a costruirsi ciò che in futuro riterrà essere la sensazione di sicurezza. Ma come avviene questa costruzione? Va sottolineato, innanzitutto, che, come per ogni cosa che concerne la mente umana, la questione è molto complessa in quanto l’attaccamento di un figlio non è rivolto solo alla madre ma anche al padre e, in generale, a tutte le figure adulte che si prendono cura di lui. Questa evenienza spiega la varietà di atteggiamenti e di comportamenti che il neonato, il bambino, l’adolescente e l’adulto metteranno in campo per esprimersi a partire dall’iniziale attaccamento che percepiscono dalle figure di accudimento.

COME SI COSTRUISCE LA SICUREZZA

Proviamo quindi a spiegare la costruzione della sensazione di sicurezza. Abbiamo detto che il bambino si lega a chi si prende cura di lui mediante l’attaccamento; visto che si sta parlando di relazioni tra esseri umani, questa serie di comportamenti di ricerca messi in atto dal bambino riceveranno delle risposte da parte dei genitori. La risposta dei genitori determinerà lo stile di attaccamento che il bambino svilupperà verso ciascuno dei due genitori a partire dal legame di attaccamento che lo unisce ad essi; questo per farla breve, perché in realtà il bambino sviluppa uno stile di attaccamento verso chiunque si prenda cura di lui, quindi anche zii, nonni e chi più ne ha più ne metta ma qui, per esigenza di spazio e anche di chiarezza, conviene riferirci allo stile di attaccamento verso i genitori (anche perché è quello che determina maggiormente lo sviluppo del bambino e dell’adulto che sarà).

Si è detto, quindi, che il bambino sente il bisogno di esprimere il proprio attaccamento verso le figure di accudimento non solo quando ha fame e vuole mangiare. Nei primi mesi di vita egli “chiama” i genitori quando ha sonno perché ha bisogno di chi lo aiuti a dormire, quando scopre qualcosa di nuovo nel mondo che lo circonda perché vuole che qualcuno gli spieghi quello che sta percependo (il che, tradotto nel modo di percepire un neonato da parte degli adulti, significa “quando vuole giocare”); insomma, pare che i bambini abbiano la naturale predisposizione a ricercare la vicinanza di qualcuno che si prenda cura di loro perché, in un certo senso, sanno di non essere in grado di soddisfare esigenze basilari per la vita come il sonno o la fame. Queste sensazioni, quando arrivano, sono percepite come delle minacce alla propria esistenza e l’allattamento materno, il prendere un bambino in braccio per cullarlo affinché si calmi, si addormenti o prenda il latte fanno sparire queste sensazioni sgradevoli, sostituendole con sensazioni piacevoli quali la sazietà o l’addormentamento, ad esempio. Il bambino, dunque, si sente grato verso chi l’ha “salvato” dalla minaccia della fame o del sonno; il caregiver di turno, poi, si rivolge al bambino con una serie di emozioni verso di lui che accompagnano l’atto di fornire sostentamento: il sostegno quindi è di tipo sia strumentale che affettivo. Lo sguardo, il modo di tenere in braccio il bambino, la capacità di distinguere un pianto da fame da uno da sonno da un capriccio, il coinvolgimento e la libertà concessa quando si gioca insieme, perfino il modo con cui gli si cambia il pannolino, tutte queste azioni sottendono uno scambio di emozioni per l’adulto. Per il bambino, invece, questo serve a imparare a “sentire le emozioni e gli affetti“, a distinguerli ed a rispondere nell’interazione con un altra persona.

In altre parole, lo stile di attaccamento è determinato da tutti i fattori che ci sono all’interno della relazione che viene a crearsi tra infante e caregiver. Questo, poi, sarà alla base dello sviluppo di tutti i comportamenti successivi in una sorta di concatenazione che andrà avanti all’infinito. Da una premessa del genere è semplice osservare che esistono tanti stili di attaccamento quante relazioni caregiver – bambino, premessa l’unicità di ciascun individuo. D’altra parte, noi esseri umani abbiamo anche molte cose in comune tra tutti noi e quindi, anche nel caso dell’attaccamento, è stato possibile risalire a delle categorie che racchiudono 3 principali stili di attaccamento. Anche in questo caso, un esperimento ci può permettere di capire meglio di cosa sto cercando di parlare: vorrei parlare della Strange Situation, una procedura sperimentale che studia l’interazione tra caregiver e bambino dell’età di un anno.

Questa procedura è stata pensata dalla studiosa Mary Ainsworth per studiare i vari stili di attaccamento che possono verificarsi tra madre e figlio. L’esperimento prevede varie fasi; nella prima vengono fatti entrare madre e figlio in una stanza in cui ci sono due sedie e dei giocattoli, viene quindi chiesto alla madre di fingere di leggere una rivista mentre il bambino viene lasciato libero di esplorare l’ambiente, giocare e coinvolgere il genitore. Nella seconda fase entra in stanza un estraneo che prima dialoga con la madre, poi cerca di coinvolgere il bambino in un gioco comune; in seguito, la madre viene fatta uscire dalla stanza così da osservare quello che il bambino fa per ricercare la figura di attaccamento. Il genitore viene quindi fatto rientrare così da osservare se il bambino ricerca conforto e come questo gli viene offerto e, in caso contrario, si studiano le varie possibile reazioni. A questo punto il genitore viene nuovamente fatto uscire, lasciando stavolta il bambino solo nella stanza; qui si osserva il modo del bambino di far fronte alla difficoltà e, in caso di eccessivo disagio mostrato, viene interrotta la procedura; se la procedura può andare avanti, viene fatta rientrare l’estranea per osservare se il bambino è in grado di utilizzarla come surrogato della figura di attaccamento momentaneamente assente. Infine, viene fatto entrare il genitore facendolo fermare davanti la porta d’ingresso per notare come il bambino ricerchi le sue cure ed il suo affetto.

Questa procedura è stata creata per leggere i comportamenti del bambino in una situazione di stress controllato al fine di analizzarne le risposte. Si è notato che, nonostante l’immensa varietà di reazioni osservate, esse possono essere raggruppate in quattro tipi fondamentali: ci sono bambini che protestano alla separazione dal genitore ma dopo un po’ si calmano, riescono ad utilizzare l’estraneo come surrogato della figura di attaccamento e, al ricongiungimento con il genitore, accettano di buon grado le coccole riuscendo a placare l’angoscia; altri bambini prendono le distanze dal genitore e sembra non si angoscino, rimanendo indifferenti anche alla presenza dell’estraneo; altri ancora protestano in modo inconsolabile e nemmeno il ricongiungimento con il genitore sembra calmarli; altri, infine, non sanno cosa fare, si bloccano davanti al genitore perché non sanno che tipo di reazione aspettarsi da quest’ultimo. Quest’ultimo tipo di reazione permette di osservare uno stile di attaccamento disorganizzato in quanto il genitore appare al bambino come imprevedibile e quindi non sa se lo coccolerà o lo maltratterà; la protesta inconsolabile denota uno stile di attaccamento insicuro ambivalente: il bambino è pervaso da un’angoscia di separazione così forte da impedirgli di beneficiare del ricongiungimento se non dopo molto tempo. Il bambino indifferente viene classificato come avente uno stile di attaccamento insicuro evitante vista la sua reazione che denota una strategia di evitamento dell’angoscia, considerata come insopportabile al punto da non poterla vivere. Il primo stile di attaccamento descritto, invece, si riferisce allo stile sicuro: il bambino denota degli atteggiamenti tipici della sua età, protesta alla separazione dal genitore ma è in grado di accettare le rassicurazioni in quanto riesce a prevedere cosa aspettarsi da quel genitore, evenienza che negli altri casi non si realizza.

CONCLUSIONI

La sicurezza di interagire con il mondo circostante con la consapevolezza di sapere cosa aspettarsi da esso, quindi, parte dalle primissime interazioni tra il bambino e le sue figure di accudimento. Un bambino sicuro nell’interazione con tutte le sue figure di accudimento sarà un adolescente capace di orientarsi con maggiore sicurezza nell’interazione con i pari età e un uomo che avrà buone possibilità di sviluppare dei modelli di azione sul mondo più stabili, un uomo sicuro di sé. Ciò che accade durante l’infanzia, tuttavia, non determina immutabilmente le persone che si sarà da adulti: la vita è un continuo proporsi di eventi ma, come si dice, chi ben comincia è a metà dell’opera.

Caffè amaro, grazie

Caffè amaro, grazie

L’unica sicurezza nella vita è che nulla è sicuro. Sembra una frase fatta, forse lo è, ma, ad ogni modo, resta una delle poche verità che un essere umano può avere nella vita. E questo non l’ho letto sui libri di scuola, ma me lo hanno insegnato le esperienze.

Qualsiasi sia la nostra condizione attuale, dalla più stabile possibile a quella più precaria, non c’è nulla, e dico nulla, che ci possa assicurare la continuità di questo stato.

La sicurezza della permanenza non esiste. Non è possibile conoscere la data di scadenza di tutto ciò che in questo momento compone il nostro presente. Compresi noi stessi. Potrebbe esserci, come no.

La sicurezza è un po’ come la speranza di cui vi parlavo qualche articolo fa. Delle gran belle parole, inventate per cercare di rendere meno percepibile la precarietà dell’esistenza umana. Qualche zolletta di zucchero in un caffè amaro.

La domanda è: perché? Forse il tutto è riconducibile ad una natura umana protettiva o forse autodistruttiva. Voi come lo chiamereste un uomo che dall’alba dei tempi ad oggi ha impiegato gran parte delle sue energie a cercare di trasmettere, a ribadire, il concetto che il mondo è nelle sue mani? Un’idea di invincibilità che, se tiriamo le somme, ci ha di gran lungo fottuto.

La sicurezza di una predisposizione innata a governare la natura e le cose che ci circondano ci ha condotto senza dubbio a sbagliare, più e più volte. Le conseguenze? A livello macro, per dirne una, il mondo si sta sgretolando tra le nostre mani. A livello micro, individuale, l’incoscienza che ci accompagna ci impedisce di assaporare il presente. Nonostante qualche zolletta di zucchero.

Eppure le esperienze ci parlano. Tutti, almeno una volta nella vita, aprendo una porta, non abbiamo trovato quello che ci aspettavamo. Tutti abbiamo subito un lutto, una sconfitta inaspettata, un dolore. L’imprevedibilità è all’ordine del giorno, non la sicurezza. Continuiamo, però, a comportarci come se valesse il contrario e questo è il paradosso più grande che io conosca.