Note cartonate

Note cartonate

L’estate: quella stagione fatta di forti sensazioni che ti trapassano lo stomaco per poi sfociare in occhi luccicanti ed in giornate che sembrano sempre sabato sera, tipo gli episodi di Dawson Creek.

L’estate era come un assolo di batteria, dove per un ristretto periodo dell’anno non ti ponevi limiti, dando importanza ad ogni ozio; dove ogni amore era consentito. La calda stagione però era anche un riff complicato che provavi e riprovavi in studio e che nei live facevi fatica a suonare, vuoi per timore, vuoi per difendere quella stupida reputazione da quindicenne che ti permetteva di essere accettato dal branco. L’estate ha scandito i primi baci, le prime delusioni, le vacanze in famiglia che ti sembravano la cosa più bella del mondo.
Oggi l’ estate è prendersi una pausa dal lavoro, fare una stressante settimana al mare, quasi invocando il ritorno a lavoro o una semplice pizza con gli amici in una di quelle dolci sere atripaldesi che inevitabilmente ti riportano indietro con la mente. Sarà retorica, ma da un po’ di tempo a questa parte, vivere tutto ciò non è più scontato ed una pizza con gli amici ha un peso specifico diverso, ti fa sentire vivo e perché notti fa tornare bambino in una lunga estate Atripaldese. 
Le mie belle stagioni mi riportano inequivocabilmente nei primi anni 2000,dove il pezzo che mi è rimasto nel cuore è “La lunga estate caldissima degli 883”:
“Questo senso di festa che vola e che va
 Sopra tutta la città
 Nella lunga estate caldissima
 Questo senso di vita che scende e che va
 Dentro fino all’anima
 Nella lunga estate caldissima”

Play in the summer

Play in the summer

…Le nostre estati, lo vedi,
memoria che ancora hai desideri:
in te l’arco si tende dalla marina
ma non vola la punta più al mio cuore.
Odi nel mezzo sonno l’eguale
veglia del mare e dietro quella
certe voci di festa.

E presto delusi dalla preda
gli squali che laggiù solcano il golfo
presto tra loro si faranno a brani.

Vittorio Sereni

E tu che sagra scegli?

E tu che sagra scegli?

È una prerogativa molto interessante quella che ci costringe ad affidare le nostre speranze e i nostri desideri ad un segno, un simbolo. La primavera viene annunciata dal ritorno delle rondini (almeno se non vogliamo dare credito ai proverbi) e da una rigogliosa rifioritura che conquista lentamente spazio e città.

Anche l’estate non tradisce questa prerogativa. Ad esempio in Irpinia, l’arrivo dell’estate, viene solitamente sancito dalla comparsa dei manifesti 70×100 lungo le strade cittadine che annunciano una qualche sagra.

Molto spesso la stagione estiva viene anche definita la stagione delle sagre.

Come detto poc’anzi l’Irpinia, in questo senso, rappresenta un caso emblematico. Con i suoi 118 comuni riesce, ogni estate, a mettere in scena decine e decine di eventi.

Le conseguenze di questa situazione sono senz’altro due: la prima è che ci si trova in un girone da inferno dantesco, fatto di indigestioni dovute al troppo mangiare e dal troppo bere e la seconda è che molto spesso ci si ritrova a vivere un calendario pieno, mal al tempo stesso, molto omogeneo. Non di rado capita che paesi limitrofi si ritrovano a mettere in scena gli stessi eventi e con le stesse modalità, solo in tempi diversi.

ESTATE PERCHÉ TU ESTATE

Le ragioni per cui ci troviamo, solitamente, a vivere estati così intense e al tempo stesso così simili sono alcune e tutte strettamente connesse alle condizioni sociali ed economiche della realtà.

Sicuramente il fatto che la provincia di Avellino sia consapevole protagonista di una emigrazione di massa perpetua rappresenta una parte interessante della spiegazione da cui partire.

Il rientro dei lavoratori emigrati e dei tantissimi fuorisede comporta la necessità del territorio di dare vita ad eventi socializzanti utili a trattenere persone ed economie.

Per rispondere a queste necessità le soluzioni prevedono, da almeno trent’anni, l’organizzazione di sagre o eventi con artisti di strada. Un’estate piena di “sagra del …” e di “nome del paese – arte” dimostrano che tale processo non si è mai evoluto.

CONCLUSIONI

Chi scrive non è contrario a queste iniziative e all’incredibile attivismo che anima chi ogni anno si impegna, ma ritiene fondamentale intraprendere un nuovo percorso.

Andrebbe compreso che non si dovrebbe rispondere alla necessità di una vita di un territorio a stagioni alterne. Costruire eventi sociali e socializzanti attraverso l’elaborazione e la programmazione costante, ascoltando il territorio e non trasformandolo in un piccolo presepe fatto di naccare, tammorre e vestiti tradizionali.

Inoltre, si dovrebbe lavorare alla costruzione di una rete provinciali di comuni e attori territoriali capaci di creare un macro percorso fatto di piccoli percorsi territoriali.

Ci apprestiamo a vivere un secondo anno di stop dovuto alla pandemia e alle direttive anti – contagio, capaci di scoraggiare anche il più ottimista degli organizzatori, potrebbero essere utili per definire e costruire un diverso modo di intendere le realtà e con esso la creazione di eventi sociali e socializzanti di più ampio respiro e durata.